Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Sideways (A. Payne)

sideways locandinaSideways” e vino si legano in maniera indissolubile. Prendete il dvd, guardatelo in controluce, fatelo ossigenare e gustatene l'aroma.

Più che un osservatore, questa volte un "sommelier esterno":

Alcolico: il senso di ubriacatura ti infonde calore. Sideways è quella magia che solo vino e amore possono conferire; un miscela di vita che scorre sul palato per farti soffrire, ridere, pensare, sognare, esistere;

Amabile: un film da gustare con piacevolezza; una di quelle avventure che vorresti vivere anche tu, che ti fanno dare peso alle esperienze, velocità ai pensieri, attenzione alle magiche capriole che il destino ubriaco può farti fare;

Armonico: ogni elemento del film è in perfetta consonanza. Un viaggio tra vigneti e cantine californiane di due amici. Un viaggio scandito da piccolo rituali: le sorsate di succo d'uva, i respiri profondi, le chiacchierate, il golf, i baci, le urla, le menzogne, il sesso;

Carezzevole: le parole dei libri si mischiano alle labbra umide di vino; il sapore di un abbandono si mischia al piacere della scoperta; le distese di vigneti si uniscono ai deserti della solitudine;

Corposo: una sceneggiatura densa e vigorosa, senza mai una sbavatura, capace di infondere durezza e semplicità, amorevolezza e asprezza;

Fruttato: i discorsi tra Miles e Maya, le loro passeggiate, le loro liti e il dolce corteggiamento danno al film un gusto dolce e suadente, capace di risvegliare anche il più pigro dei palati culturali;

Persistente: è un film che lascia in bocca i sentori di sconfitta e rivalsa, tristezza ma speranza. Libri rifiutati e cerotti emozionali, dolori passati e nuove prospettive. Una sbornia dolorosa e sofferente;

Pungente: i tradimenti di Jack colpiscono e sconvolgono,aggredisce le mucose della bocca e comunica sensazioni pseudocaloriche. La sensazione gustativa risveglia così le pupille emozionali addormentate;

Ruvido: a tratti sgradevole, ma di una rudezza soddisfacente. I discorsi di Miles smuovono e struggono, presagendo però rivalsa e altre vittorie;

Scorrevole: un film genuino e biologico, piacevole da guardare e che non necessità di aspirina il giorno dopo;

Spumante: nella scena del recupero del naso rotto e del portafoglio la pellicola diventa frizzante, gaia, di un energia che smuove, fa sorridere e urlare di contentezza;

Vellutato: gli orizzonti, le gite, le passeggiate e le cene. Un microcosmo di felicità con i quattro amici che godono del mondo e assaporano il senso del piacere.

A voi una bottiglia di Sideways annata '04: buona bevuta filmica e ottima ubriacatura cinematografica.

Voto: 8


Info Film:

regia di Alexander Payne USA 2004

Con Paul Giamatti, Virginia Madsen, Sandra Oh, Marylouise Burke, Jessica Hecht

Titolo originale Sideways

durata 124 min Commedia