Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Man On The Moon (M. Forman)

  • Scritto da Michele Ciliberti

man on the moon locandinaAndy Kaufman muore nel 1984 per un tumore ai polmoni. È uno showman che sul palco manipola la realtà per minare le emozioni del pubblico e farle esplodere attraverso il riso, la rabbia, le grida. Egli inventa personaggi, crea eventi mediatici nei quali rende sacro perfino l’odio, si prende beffa di qualsiasi codice morale e manda il cortocircuito lo show business che fin da bambino ha odiato.

Un odio che si è trasformato in voglia di gabbare il pubblico pagante, di renderlo parte inconsapevole dello “spettacolo degli equivoci”, di stupirlo negando quelle costanti comiche che contraddistinguevano il cabaret tradizionale (memorabile la lettura integrale de “Il Grande Gatsby” di Fitzgerald durante uno spettacolo). Jim Carrey interpreta Andy Kaufman in questa superba biografia del genio statunitense. Carrey è un ciclone, è la nemesi di Kaufman, la sua reincarnazione che torna a fare una pernacchia alla Morte. Anche questa verrà fregata, in quanto il funerale sembrerà una grossa esibizione, rendendo le persone intorno alla bara oggetto di un esperimento scenico architettato dallo stesso Kaufman come ultimo omaggio artistico alla Vita.

Carrey rende la furia artistica di Kaufman in modo perfetto mostrando i giochi sul palco, le messinscena per sovvertire le credenze del  pubblico, le sue finzioni poetiche che faranno sembrare il funerale l’ultimo spettacolo per prendersi gioco delle leggi della morte e diventare così il primo vero messia dell’era mediale.

Man on the Moon” è uno spettacolo di rara bellezza. Entriamo nella vita di Kaufman attraverso le azioni creative, gli sketches (gli originali sono reperibili in rete), le passioni camuffate e ricostruite con astuzia per stupire, divertire e dare scosse continue alla società. Kaufman esce però da queste esperienze sempre con le ossa rotte, stremato dai colpi bassi che gli riserva la sua fede negli uomini. Rimane però un vincente, reinventando continuamente se stesso e il proprio modo di presentarsi al mondo. Chissà se questo “Man on the Moon” non sia solo l’ultima parte del suo ultimo spettacolo, cominciato quel 16 Maggio del 1984 e che durerà per sempre grazie al Cinema e al suo potere di rendere sacre creatività e arte.

Voto: 8,5

Info Film:

Regia di Milos Forman

USA 1999 - secon Jim Carrey, Danny DeVito, Courtney Love, Paul Giamatti, David Koechner

Durata: 118 min Biografico