Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

La 25ª ora (S. Lee)

la 25 ora locandinaSolito Spike Lee, consueta violenza cinematografica, identica gioia/dolore nel guardare l'uomo in tutti i suoi aspetti. Attitudine unica, quella del regista statunitense, a narrare dell'autodistruzione, dell'incapacità di attutire gli attriti sociali, della sfiducia nei confronti dell'evoluzione vitale che un uomo dovrebbe compiere. Uno Spike Lee, però, anche inconsueto, che guarda New York da una prospettiva diversa, mostrandone sì il lato più sordido, ma al contempo capace di immortalare anche gli ambienti e i protagonisti dell'upper side, la classe media, il vigile in pensione che parla mesto dell'11 Settembre (il film è stato forse il primo a guardare New York senza le Torri).

“La 25ª ora” racconta della frattura che spacca un uomo quando egli ha tutto da perdere, quando il futuro è solo un istante assopito tra i cortocircuiti di una infame quotidianità, quando le regole non le fanno i protagonisti del gioco, ma vengono cambiate continuamente il base alle bizze del destino e alle debolezze umane. Monty Brogan è colpevole, ma non più di chi gli sta attorno. Monty è in errore, ma forse è colui che più merita di passeggiare col suo cane in giro per New York (le carrellate di Spike Lee sono una gioia troppo grande da guardare). Un uomo violento, ottuso e rude, ma forse l'unica persona veramente meritevole di avere prigioni in un panorama che si sta sgretolando sotto la cappa dei ricordi, delle illusioni, della paura, delle sciocche ambivalenze morali.

Edward Norton regala un personaggio indimenticabile, affiancato da Philip Seymour Hoffman, Brian Cox, Barry Pepper e altri impareggiabili attori che raccontano una storia stupenda, una nazione ferita e un'epoca storica in evidente decadenza, in crisi d'identità, che ricorda i propri sbiaditi desideri solo quando questi stanno dolosamente sparendo.

Dopo la visione de “La 25ª ora” una sensazione di tristezza, morte e senso di sconfitta pervade occhi, pensiero e speranze. Una necessaria reazione per la riflessione che questo film impone riguardo le sorti dell'Uomo e del Mondo di fronte a quel precipizio storico chiamato nuovo millennio.

Voto: 8,5

Info Film:

regia di Spike Lee USA 2002 Con Edward Norton, Philip Seymour Hoffman, Anna Paquin, Rosario Dawson, Brian Cox  Titolo originale 25th Hour durata 134 min  Drammatico