Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Fargo (J. & E. Coen)

  • Scritto da Michele Ciliberti

fargo locandinaFargo è la commedia drammatica per eccellenza. Un rapimento, loschi raggiri e tanta violenza conditi con mille risate, occhi sbarrati e divertimento assicurato. La magia dei Coen è proprio questa: saper giocare con lo spettatore in qualsiasi momento, ricreando un’atmosfera familiare anche in uno scenario estremo e lontano.

Ci troviamo in Minnesota, dove Jerry (William H. Macy), marito insoddisfatto e uomo frustrato, architetta il rapimento della moglie Marge (Frances McDormand) con lo scopo di truffare l’odiato cognato. Per pianificare il lavoro ingaggia due loschi malviventi (Steve Buscemi e Peter Stormare), che tutto faranno fuorché fare un “lavoro pulito”. L’abilità dei fratelli Coen sta nel mischiare perfettamente dramma e commedia, calibrando sempre alla perfezione peculiarità dell’ambientazione - che incuriosisce lo spettatore - e pulsioni universali - che lo coinvolgono direttamente. Così ci troviamo di fronte a una miriade di personaggi completamente fuori di testa. Il bislacco trangugiare cibi ipercalorici dell’agente Marge, i baffetti isterici di Carl, lo sguardo assorto di Gaear e l’angosciante figura del meccanico pregiudicato si accompagnano a una serie di macchiette indimenticabili verso le quali lo spettatore non può che provare una sorta di bizzarra empatia dettata da gesti ricorrenti, discorsi al limite del paradossale e atteggiamenti classici della provincia americana.

In “Fargo” quest’empatia diventa fondamentale in funzione della perfetta armonia con la quale tutto scorre, grazie alla quale si seguono le vicende sempre a bocca spalancata e sempre in attesa della prossima perla dopo l’ennesimo lungo silenzio. Si arriva alla conclusione completamente assorti per una vicenda certamente poco sensazionale ma che proprio per questo fa emergere l'ordinaria bizzarria di un mondo tutto fuorché prevedibile, fatto di paesaggi, routine e persone che sono parte integrante di una buffa quotidianità che al primo intoppo prende la deriva verso la follia.

“Fargo” è la prospettiva su un mondo in decadenza ma che proprio in quanto decadente merita di essere osservato e ricordato. Un’indagine che si conclude con una semplicità che prevede corpi trincerati, facce tumefatte e ottimi disegni su francobolli da 3 cent. Fargo è magia targata Coen.

Voto: 8

Info Film:

USA 1996 con William H. Macy, Steve Buscemi, Frances McDormand, Peter Stormare, Kristin Rudrüd Durata: 98 min Commedia, Drammatico