Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Edward Mani di Forbice (T. Burton)

  • Scritto da Nicolò Scarano

edward mani di forbice locandina

edward mani di forbice locandina - edward mani di forbice locandina
"Edward Mani di Forbice" (maledette traduzioni) è considerato il capolavoro di Tim Burton. Ed effettivamente il film è uno di quelli che ti prende dall’inizio e ti lascia solo alla fine come dopo una scarica di cazzotti. Rimani alla fine tramortito con un sorriso da babbeo.

In realtà il film è una sorta di favola dei giorni nostri basata sulla diffidenza e sul pregiudizio della società. Edward (Johnny Depp) è un pinocchio moderno costruito da un anziano scienziato (Vincent Price) che vive da solo in un castello alle porte della città. Purtroppo tal Geppetto muore senza riuscire ad ultimare la propria creatura che rimane una sorta di cyborg con delle lame al posto delle mani. Un giorno Edward viene scoperto all’interno del castello da Peg (Dianne Wiest), una venditrice di cosmetici porta a porta, che trova interessante e simpatico il “ragazzo” e decide di portarlo a casa. Inizia così l’inserimento sociale di Edward in un paese fiabesco e sgargiante in cui tutto e in ordine, i prati sono tagliati alla perfezione e ognuno ha il proprio ruolo. Chiaramente ad Edward toccherà fare il parrucchiere e il giardiniere data la sua attitudine e capacità di usare le lame.

Ben presto Edward si innamorerà di Kim (Winona Ryder) fidanzata con Jim (Anthony Michael Hall) il quale farà di tutto per screditare il povero cyborg, invischiandolo addirittura in un furto. Edward verrà subito considerato colpevole da tutti, passando dalle stelle alle stalle e ricacciato dalla gente del posto. Kim sarà l’unica a credergli e gli crederà sempre finchè non diventerà nonna e racconterà la storia di Edward alla sua nipotina.

Il lungometraggio di Burton muove su diverse tematiche: la diffidenza della società che ti spreme, ti usa e ti consuma finchè non servi più; l’animo dell’artista, mai completo (in questo caso simboleggiato dal corpo stesso del protagonista) che deve avventurarsi verso nuovi luoghi per espandere se stesso; l’amore impossibile fra gente di classi diverse; la compresenza di amore-morte come facce della stessa medaglia. Burton riesce a coniugare tutti questi temi in un film più che convincente che culmina con la neve redentrice e liberatoria, frutto dall’arte di Edward.

Voto 8

Info Film:

titolo originale: "Edward Scissorhands" USA 1990 con Johnny Depp, Winona Ryder, Dianne Wiest, Vincent Price durata: 105 min Drammatico, Fantasy