Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

I film horror più disturbanti di sempre

  • Scritto da Marco Tonelli
 Avete presente quella sensazione di disagio fisico e mentale? Quelle situazioni o personaggi capaci di far vacillare anche lo spettatore più saldo e imperturbabile?

Per film disturbanti intendiamo un mix letale di violenza visiva, unita ad un viaggio senza ritorno negli angoli più oscuri della psiche umana. Certo, le perversioni, il sadismo, il sangue e le quintalate di viscere gettate sul pubblico, non sarebbero nulla senza la capacità innata di far leva sulla nostra sensibilità per inondarla di disgusto.

Una vera e propria catarsi filmica che si prende gioco del concetto di bene e male, per scioglierlo in un mare di liquidi corporei e soprattutto di narrazioni capaci di generare malessere e angoscia.

La follia di matrice asiatica, ma anche il baratro nero della vecchia Europa, senza dimenticare il narratore indiscusso e incontrastato delle perversioni del nostro secolo, sua maestà David Cronenberg.

25 nomi, 25 “tavoli operatori” in cui dissezionare la capacità di superare il limite del genere umano.

A vostro rischio e pericolo.
Buona visione!

1. “Videodrome” di David Cronenberg (1983)

2. “Tetsuo” di Shinya Tsukamoto (1989)

3. “Audition” di Takashi Miike (1999)

4. “A Serbian Film” di Srdjan Spasojevic (2010)

5. “Il demone sotto la pelle” di David Cronenberg

6. “Begotten” di E. Elias Merhige (1991)

7. “Ichi The Killer” di Takashi Miike (2001)

8. “Cabal” di Clive Barker (1990)

9. “Grotesque” di Kôji Shiraishi (2009)

10. “Eraserhead - La mente che cancella” (Eraserhead) di David Lynch (1977)

11. "Nekromantik" di Jörg Buttgereit (1987)

12. “Cannibal holocaust” di Ruggero Deodato (1980)

13. "Gozu" di Takashi Miike (2003)

14. “The Human Centipede (Full Sequence)” di Tom Six (2010)

15. “À l'intérieur” di Alexandre Bustillo & Julien Mauri (2007)

16. “Cure” di Kyoshi Kurosawa (1997)

17. “Martyrs” di Pascal Laugier (2008)

18. “Non si sevizia un paperino” di Lucio Fulci (1972)

19. “Henry, pioggia di sangue” di John McNaughton (1986)

20. “Tokyo Gore Police” di Yoshihiro Nishimura (2008)

21. “Two Sisters” di Kim Jee Woon (2003)

22. “Antiviral” di Brandon Cronenberg

23. ”Hostel” di Eli Roth (2005)

24. “Frontiers” di Xaviers Gens (2007)

25. "Alta tensione" di Alexandre Aja (2003)