Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Le Serie TV animate che ogni adolescente dovrebbe vedere

  • Scritto da Marco Tonelli
griffin Cosa ricordate della vostra adolescenza? Certo, il sesso, le droghe, la musica, le letture, i litigi con i genitori, le paranoie eccetera eccetera. E su questo non ci piove.

Dai facciamo i seri, passiamo alle cose importanti! Molto probabilmente il vero responsabile della nostra crescita è lo schermino azzurrognolo che campeggia nei salotti di tutti. Altro che le solite cazzate da manuale di psicologia, per molti di noi la vera formazione si faceva davanti alla TV. I nostri insegnanti si chiamavano Bender, Homer Simpson, Cartman o Daria, la nostra scuola era a Springfield, South Park o negli hangar sotterranei della Nerv.

E se, a parte alcuni casi eccezionali, il livello delle serie tv animate di oggi è francamente imbarazzante, la nostra generazione si deve ritenere decisamente fortunata. Abbiamo avuto tutto, e non ce ne siamo neanche accorti. Umorismo intelligentissimo, avanguardia, cattiveria senza freni, dentro al tubo catodico trovavi davvero qualsiasi cosa.

Che siano Anime o prodotti occidentali, che siate dei nerd o dei fighetti senza speranza, probabilmente sapete di cosa stiamo parlando. Non tutti hanno queste fortune, buona spulciata!

MITO ASSOLUTO:
“The Simpsons” di Matt Groening (1989 – tutt'ora in corso)

IL CULTO:
“Futurama” di Matt Groening & Matt X. Cohen (1999-2003)

NON SENSE URTICANTE:
“I Griffin” (Family Guy) di Seth Mc Farlane (1999 - tutt'ora in corso)

CATTIVO GUSTO SENZA FRENI:
“South Park” di Trey Parker & Matt Stone (1997- tutt'ora in corso)

STILE DI VITA:
“Daria” di Glenn Eicher & Susie Lewis Lynn (1997-2002)

BRIVIDI CHE LASCIANO IL SEGNO:
“Neon Genesis Evangelion” di Hideaki Hanno (1995-1996)

APATIA E SCAZZO POMERIDIANO:
“Beavis and Butt - Head”di Mike Judge (1993-1997)

LA FICATA PER PALATI FINI:
“Cowboy Bebop” di Shinichiro Watanabe (1999-2000)

LA DROGA:
Le tre serie della saga di Dragon Ball di Akira Toriyama: “Dragon Ball”, “Dragon Ball Z”, “Dragon Ball GT” (dal 1986 al 1997)

LA SCUOLA DI VITA:
“Golden Boy”di Tatsuya Egawa (1995-1996)

LA CHICCA:
“Aeon Flux” di Peter Chung (1991-1995)

PER GLI SPORTIVI:
“Slam Dunk” di Takehiko Inoue (1993-1996)

PER GLI AMANTI DEL FANTASY, E NON SOLO:
“Inuyasha” di Rumiko Takahashi (2000-2004)

PER I RAFFINATI:
“Alexander – Cronache di Guerra di Alessandro il Grande” di Yoshinori Kanemori (1999)

LA BOTTA DI ADRENALINA:
“Trigun” di Satoshi Nishimura (1998)
 
DA RIVEDERE QUANDO SI E' ADULTI:
“Ranma ½” di Rumiko Takahashi (1989-1992)

LA SCUOLA DEI NOSTRI SOGNI:
“Great Teacher Onizuka” di Toru Fujisawa (1999-2000)

IL CAPOLAVORO:
“Batman: The Animated Series” di Paul Dini & Michael Reaves (1992-1995)