Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Ulver: i migliori album

Termini come evoluzione, cambiamento e sperimentazione, sono lontani anni luce dall'immagine stereotipata che una band Black Metal proietta nell'immaginario collettivo. Nati in Norvegia nel 1992, gli Ulver (Lupi) erano effettivamente una band Black Metal, ma distante dalle pose pagane e sataniche di colleghi come Emperor e Enslaved e vicina ad una spiritualità ancestrale e per certi versi letteraria.

“Bergtatt”, “Kveldssanger” e “Nattens Madrigal”, rappresentano una mutazione radicale all'interno dei canoni del genere. Tre capolavori di melodia, spirito Folk e soluzioni atmosferiche.

Apparentemente tutto questo non c'entra nulla con gli Ulver attuali, ma rende benissimo l'idea dello spirito che anima il progetto. Terminata la trilogia, i lupi come li conoscevamo non esistono più. Rimasto solo, il cantante Kristoffer “Garm” Rygg incomincia ad interessarsi alle sperimentazioni elettroniche della nascente scena Glitch, dell'Industrial e dell'Elettro Wave anni 80. Il risultato prende il nome di “Themes from William Blake's The Marriage of Heaven and Hell”, un vero e proprio ponte sonoro, in cui le influenze del passato lasciano spazio a quelle del futuro, e che futuro!

Il successivo “Perdition City-Music to an interior film” rappresenta appieno la volontà di superare le barriere, di aprirsi verso orizzonti cupi ma suadenti. In poche parole un disco unico e irripetibile, tra echi Jazz, Trip Hop e Post Rock. Da quel momento, il solco è stato tracciato e non si torna più indietro. Accompagnato dal produttore Tore Ylwizaker, Garm continua il suo percorso all'interno di una visione cangiate e schizofrenica della materia, talvolta malata (“Blood Inside”) altre soffusa e visionaria (“Shadow of the Sun”). Fino al riuscitissimo omaggio verso i padri psichedelici del passato, compiuto con il recente “Childhood's end”.

Noi Osservatori Esterni vi offriamo una breve selezione pescata tra la discografia di una bestia feroce tra le più inafferrabili della musica contemporanea.

Buona spulciata, e buon ascolto!


1. “Perdition City – Music to an interior film” (2000)

2. “Shadow of the Sun” (2007)

3. “Blood Inside” (2007)

4. “Themes from William Blake's The Marriage of Heaven and Hell” (1998)

5. “Wars of the Roses” (2011)

6. "Childhood's end" (2012)

7. “Svidd neger" original soundtrack (2003)

8. “Lyckantropen themes" original soundtrack” (2002)