Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Hip Hop: 10 nomi da seguire

“Hip Hop is Dead” declamava il buon Nas. Più che un necrologio, un invito al miglioramento per le nuove generazioni. Visto l'ottimo stato di salute, direi che le nuove leve lo hanno preso alla lettera. Gente come Kendrick Lamar, Aesop Rock, El-P e tanti altri, sono stati capaci di attualizzare la lezione dei padri grazie alla contaminazione con linguaggi ed influenze esterne.

Se nei primi anni 2000 il declino era dietro l'angolo, il vasto e sconfinato universo dell'Hip Hop sta riacquistando quell'indipendenza e quella sperimentazione da tempo perduta.

Prima di tutto un dato di fatto: la generazione nata a cavallo tra gli anni '80 e i '90 è riuscita a fagocitare un mare infinito di sonorità e stili musicali. In primis la lezione degli artisti visionari del giro Anticon (Sole, Doseone e Odd Nosdam) o le distorsioni estreme di terroristi sonori come i Dalek. Senza dimenticare le contaminazioni con i nuovi orizzonti danzerecci (Dubstep, Electro Dancehall e tanto altro). Certo, la voglia di flirtare con il mainstream non manca. Ma nonostante le vendite stratosferiche degli ultimi anni, nella maggior parte dei casi l'approccio rimane quello di sempre: totale disinteresse verso qualsiasi mediazione, e soprattutto visione assolutamente generazionale.

Buona scoperta!


Pharoahe Monch

Hip Hop da New York

un album consigliato: “W.A.R (we are renegades)” (2011)


Kendrick Lamar

Hip Hop da Compton, Los Angeles

un album consigliato: “Good Kid. M.A.A.D City” (2012)


Death Grips

Experimental Hip Hop da Sacramento

un album consigliato: “Ex Military” (2011)


El-P

Alternative Hip Hop da Brooklyn

un album consigliato: “Cancer for Cure” (2012)


Shabazz Palaces

Hip Hop da Seattle

un album consigliato: “Black Up” (2011)


Ghostpoet

Alternative Hip Hop da Londra

un album consigliato: “Peanut Butter Blues and Melancholy Jam” (2010)


Aesop Rock

Alternative Hip Hop da New York

un album consigliato: “Skelethon” (2012)


Tyler, The Creator

Experimental Hip Hop da Los Angeles

un album consigliato: “Goblin” (2010)


Kid Cudi

Hip Hop da Brooklyn

un album consigliato: “Man on the Moon: The End of The day” (2009)


Saul Williams

Spoken words/Alternative Hip Hop da Newburg, New York

un album consigliato: “The inevitable rise and liberation of Niggy Tardust!” (2007)

Articoli correlati:

- Songwriting al femminile: 10 nomi da seguire

- Post Punk anni dieci: i nomi da seguire

- Post Dubstep: 10 nomi da seguire