Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Generazione Parco Nord: Flippaut Festival

L'Arena Parco Nord di Bologna è stato il punto di riferimento (e di divertimento) della nostra adolescenza, su questo non ci piove.

Festival come il Flippaut (bonanima), il Gods Of Metal o l'Independent dei tempi d'oro sono emozioni che non si dimenticano facilmente. In particolare vorrei soffermarmi sul primo dei tre eventi sopra citati, e nella fattispecie sulla tripletta di edizioni 2003-2004-2005, durante le quali ho avuto la fortuna di ammirare, oltre ai miei idoli dell'epoca Queens Of The Stone, Korn, White Stripes e Prodigy, una lingua mozzata durante l'esibizione degli Ill Nino, una piadina squartatasi sull'attacco di "Feel God Hit Of The Summer", il flop della Silent Disco e i fan di Jonathan Davis incazzatissimi contro Ville Valo, senza tralasciare quelle indimenticabili notti in bianco alla stazione centrale di Bologna.

Erano i tempi in cui mi sbronzavo con una mezza bottiglietta di vino e supportavo il mondo della musica acquistando magliette e CD. La mia band preferita erano gli Audioslave e avevo ancora qualche capello.

Grazie ai potenti mezzi della rete, sono felicissimo di condividere con voi alcuni dei momenti leggendari di questa sfortunatissima kermesse, trasferitasi a Milano nel 2006 e morta definitivamente cinque anni dopo.

Se c'eravate anche voi, battete un colpo. Occhio alle emozioni, e buon viaggio nel tempo!

 

I Muse quando ancora facevano i seri

Il 2004 dei Korn e il delirio dell'Arena Parco Nord

La potenza allucinante degli Slipknot

L'horror punk dei Wednesday 13

 La svolta nu metal dei Pantera italiani

Il rock'n'roll infuocato degli Young Heart Attack



I Muse intervistati da Frankie Hi NRG


Articoli correlati:

- Heineken Jammin Festival 1999

- Concertone del Primo Maggio: videostoria